serova 2testa 4testa danza 1testa 6testa 5testa gospel alice

CONCERTO DI CAPODANNO

National Radio Company
of Ukraine Symphony Orchestra

Direttore Volodymyr Sheiko
Solista Violinista Stefan Milenkovich


National Radio Company
of Ukraine Symphony Orchestra

La prima esecuzione pubblica dell’Orchestra Sinfonica della nuova Radio Ucraina (Radio Ukrainian - 

Center a quel tempo), avvenne il 5 ottobre 1929. L’Orchestra è stata una parte della Radio - Teatro e consisteva di 45 musicisti. Il primo direttore stabile dell’Orchestra è stato il professor Yakiv Rozenshtein. Sono stati invitati i migliori musicisti di Kharkov, ex capitale dell’Ucraina a far parte delle nuova Orchestra.

L’Orchestra ha iniziato il suo primo ciclo sinfonico con il PI Tchaikovsky, con la 5° sinfonia il 14 ottobre 1929.

Questo fu l’inizio della storia ucraina Nazionale Musicale Radio Broadcasting. Sono seguiti 80 anni di grandissimi successi e tour in tutto il mondo con collaborazioni di direttori e solisti di fama mondiale.

A causa del trasferimento della capitale ucraina a Kiev l’Orchestra si è stabilita nell’attuale capitale e il numero di musicisti è aumentato fino a 60 persone. Dal 1937 diventa l’unica Orchestra Sinfonica stabile a Kiev che pratica esclusivamente musica sinfonica.

Le trasmissioni radiofoniche e concerti pubblici sono stati seguiti da migliaia di persone in tutto il mondo e i dischi di musica ucraina registrati dall’Orchestra hanno dato un enorme contributo alla cultura tesoro nazionale.

Direttori di chiara fama hanno portato l’Orchestra al più alto livello della tecnica orchestrale. Ricordiamo: Herman Adler, Mykhailo Kanershteyn, Petro Polyakov, Kostyantyn Simeonov, Vadym Gnedash, Volodymyr Sirenko e Viatcheslav Blinov.

L’Orchestra ha collaborato con i più grandi direttori del XX secolo: Mykola Kolessa, Nathan Rakhlin, Oleksandr Klimov, Isaac dolore, Genadiy Rozhdestvenskiy, Benjamin Tol’ba, Stefan Turchak, Fedir Gluschenko, Rikkardo Kapasso, Arild Remmerit e altri.

È la più invitata delle orchestre ucraine nel mondo: Corea del Sud, Iran, Algeria, Italia, Germania, Belgio, Polonia, le mete più gettonate.

Dal 2005 Volodymyr Sheiko è direttore principale e stabile dell’Orchestra.

Il titolo dell’onorata collettiva e lo status accademico sono stati concessi all’Orchestra per meriti speciali nello sviluppo dell’arte musicale.

 


Volodymyr Sheiko

Direttore Principale e Direttore Artistico della ucraina Radio Symphony Orchestra (NRCU Symphony Orchestra). Nato a Kharkiv, Vladimir Sheiko si è diplomato al Conservatorio di Stato di Kiev che prende il nome di P. Tchaikovsky, in direzione d’orchestra nella specialità di lirica e sinfonica, nella classe del professor Stephan Turchak, direttore Principale del Teatro dell’Opera Nazionale di Ucraina e in direzione di Coro nella classe del professor Leo Venediktov.

E’ stato Capo maestro di cappella della National Opera Theatre di Ucraina nel 1988. Durante il 1989-1991 era un tirocinante presso il “Teatro Bolshoy dell’Opera e del Balletto” (Mosca) sotto la supervisione di Fuat Mansurov (conduttore di Bolshoy Theatre) e ha preso la più alta prova di qualificazione. Vladimir Sheiko ha lavorato come direttore dell’Accademia Operetta Theatre Kiev nel 1988. Alla fine del 1990 ha creato il primo complesso musicale “State Symphony Orchestra Ucraina” e ha prodotto una vasta attività concertistica in tutto il mondo.

Durante questo periodo ha anche fatto numerose registrazioni per la Radio e TV Ucraina, produzione di CD (Russia, Italia, Inghilterra, Svizzera), ha organizzato Festival internazionali artistici annuali «Incontri di Pasqua» (Kiev, Ucraina, 2000, 2001, 2002) e il Festival «Tenoratorio» (Solothurn, Svizzera, 1999, 2000, 2001). Ha partecipato all’apertura del Verdiano - 2001 (Busseto Italia, 2001).

Durante il periodo 1994 - 2002 è stato molto attivo nella musica teatrale, includendo molti progetti in vari generi, tra i quali: “Yevgeniy Onegin” di P. Tchaikovsky, “La Traviata” e “Rigoletto” di G. Verdi, “Porgy and Bess” di G. Gershwin, “Carmen” di G. Bizet, “La sposa dello Zar” di N. Rymsky-Korsakov, “Il Barbiere di Siviglia” di G. Rossini, “Così fan tutti”, “Impresario” e “Le nozze di Figaro” di W.A. Mozart, “Bamby” (balletto) di I. Kovacs, “Requiem” di G. Verdi, “Requiem”di M. Reger, “Requiem”di G. Fauret, “Magnificat” di JS Bach e molti altri. Dal 1995 al 2005 ha lavorato come Direttore Principale dell’Accademia Operetta Theatre Kiev e ha effettuato 15 spettacoli: “Lo zingaro barone”, “Una notte a Venezia” di J. Strauss, “Maritza” di E. Kalman, “Il conte da Lussemburgo” di F. Lehar, “Orfeo tutti Inferno” e “La vie Parisienne” di J. Offenbach e molti altri.

Vladimir Sheiko è diventato il direttore della ucraina Radio Symphony Orchestra nell’agosto 2005.

Sotto la sua direzione l’Orchestra ha suonato capolavori come: “Requiem” di G. Verdi, Sinfonia n° 9 di L. van Beethoven, “Stabat Mater” di G. Rossini, “L’esecuzione di Stepan Razin” di D. Shostakovich; “St. Jonn di Damasco” di S. Taneev, “Quando i Blooms Felce” di Y. Stankovych; “Davidde Penitente” di W.A. Mozart, fondarono una serie di progetti congiunti di Nazionale di Radio Company e National Television Company di Ucraina “Storie d’arte”. Anche Vladimir Sheiko ha creato una serie di progetti monumentali originali, come la sua versione teatrale di “Carmina Burana” di Carl Orff al Teatro dell’Opera Nazionale Ucraina e la prima mondiale di “Symphonic Vangelo” di Alemdar Karamanov “presso il Palazzo Nazionale Ucraina”. Sotto la supervisione di Vladimir Sheiko come direttore d’orchestra, l’Orchestra ha effettuato oltre 200 record del mondo e capolavori di musica ucraina a favore del Fondo nazionale Radio. Ha inoltre svolto numerose tournée con l’Orchestra della Radio in 11 paesi: Corea del Sud, Iran, Algeria, Spagna, Italia, Portogallo, Paesi Bassi, Lussemburgo, Belgio, Polonia e Bielorussia. Vladimir Sheiko si è esibito nei più prestigiosi palcoscenici del mondo, come Glinka Capella Hall (San Pietroburgo, Russia), Konzerthaus (Vienna, Austria), Concertgebouw (Amsterdam, Paesi Bassi); Koningin Elisabethzaal (Anversa, Belgio), Arena Sferisterio (Macerata, Italia), il Teatro Romano (Ascoli Piceno, Italia); Politeamo Teatro Garibaldi (Palermo, Italia), Auditorio Nacional de Musica, Teatro Monumental (Madrid, Spagna), Palau de la Musica Catalana (Barcellona, Spagna), Casa da Musica, Coliseu do Porto (Porto, Portogallo); Coliseu dos Recreios (Lisbona, Portogallo); Coliseum (Nimes, Francia), il Teatro Romano (Vienne, Francia), City Hall (Seoul, Corea del Sud). A Vladimir Sheiko è stato concesso il titolo di “personalità onoraria delle Arti di Ucraina” nel 2003. È stato anche premiato col Diploma d’Onore del Parlamento dell’Ucraina e l’Ordine di San principe Vladimir il Grande di terzo grado nel 2005. È stato insignito del diploma del Gabinetto dei Ministri dell’Ucraina, e Insegna d’Onore del Ministero della Cultura dell’Ucraina e la medaglia” Honour” di Kiev nel 2012.

Nel 2013 è stato premiato con l’Ordine di amicizia con Decreto del Presidente della Federazione Russa.

 


Stefan Milenkovich

Stefan Milenkovich, nativo di Belgrado, ha iniziato lo studio del violino all’età di tre anni, dimostrando subito un raro talento che lo porta alla sua prima apparizione con l’orchestra, come solista, all’età di sei anni ed incominciando una carriera che lo ha portato ad esibirsi in tutto il mondo.

È stato invitato, all’età di 10 anni, a suonare per il presidente Ronald Reagan in un concerto natalizio a Washington, per il presidente Mikhail Gorbaciov quando aveva 11 anni e per il Papa Giovanni Paolo II all’età di 14 anni. Ha festeggiato il suo millesimo concerto all’età di sedici anni a Monterrey in Messico.

Ha vinto molti premi partecipando ai più importanti concorsi internazionali: il Concorso di Indianapolis (USA), il “Tibor Varga” (Svizzera), il “Queen Elizabeth” (Bruxelles), lo “Yehudi Menuhin” (Gran Bretagna), il “Ludwig Spohr” di Weimar ed il Concorso di Hannover (Germania), il “Lipizer”di Gorizia ed il “Paganini” di Genova in Italia.

Riconosciuto a livello internazionale per le sue eccezionali doti tecniche e interpretative, ha suonato come solista con l’Orchestra Sinfonica di Berlino, l’Orchestra di Stato di San Pietroburgo, l’Orchestra del Teatro Bolshoj, la Helsinki Philharmonic, l’Orchestra di RadioFrance, l’Orchestra Nazionale del Belgio, la Filarmonica di Belgrado, l’Orchestra di Stato del Messico, l’Orchestra Sinfonica di Stato di San Paolo, l’Orpheus Chamber Orchestra, le Orchestre di Melbourne e del Queensland in Australia, l’Indianapolis Symphony Orchestra, la New York Chamber Symphony Orchestra, la Chicago Symphony Orchestra, collaborando con direttori del calibro di Lorin Maazel, Daniel Oren, Lu Jia, Lior Shambadal, Vladimir Fedoseyev, Sir Neville Marriner.

La sua discografia include tra l’altro le Sonate e le Partite di J.S. Bach, e l’integrale per la Dynamic (2003) delle composizioni di Paganini per violino solo.

Stefan Milenkovich è impegnato anche in cause umanitarie: nel 2003 gli è stato attribuito a Belgrado il riconoscimento “Most Human Person”. Ha inoltre partecipato a numerosi concerti patrocinati dall’UNESCO a Parigi, esibendosi al fianco di Placido Domingo, Lorin Maazel, Alexis Weissenberg e Sir Yehudi Menuhin.

Dedito anche all’insegnamento, dal 2002 è stato assistente di Itzhak Perlman alla Juilliard School di New York, prima di accettare l’attuale incarico di Professore di violino all’Università dell’Illinois, USA.

 

 

Programma

PROGRAMMA

N. RIMSKIJ- KORSAKOV Capriccio spagnolo op. 34 (15 min.)

P. DE SARASATE Zingaresca op. 20

per violino e orchestra (10 min.)

P. DE SARASATE Carmen Fantasy op. 25 per violino e orchestra (12 min.)

(Stefan Milenkovich,violino)

 

*** 

 

J. STRAUSS II 6’ 1. Lo zingaro barone, ouverture

J. STRAUSS II 3’ 2. Il treno delle delizie, polka Op. 332

J. STRAUSS II 7’ 3. Voce de Primavera, valzer Op. 410 

J. STRAUSS II 3’ 4. Klipp Klapp galop Op. 466

J. STRAUSS II 3’ 5. Tuoni e fulmini, polka Op. 271  

J. STRAUSS I 4’ 4. Marcia Russa, Op. 426  

 

Bis

 

J. STRAUSS II 3’ 1. Champagner, polkaOp. 211  

J. STRAUSS II 9’ 2. Il bel Danubio Blu, (corto) valzer Op. 314

 J. STRAUSS I 2’40” 3. Marcha Radetzky, Op. 228