serova 2testa 4testa danza 1testa 6testa 5testa gospel alice

Duo Violino - Pianoforte

Violinista Anna Tifu
Pianista Giuseppe Andaloro

 

Anna Tifu

Vincitrice nel 2007 del prestigioso concorso internazionale George Enescu di Bucharest, Anna Tifu è considerata una delle migliori interpreti della sua generazione.

Nata a Cagliari, ha iniziato gli studi musicali all’età di sei anni sotto la guida del padre e a suonare in pubblico a 8 anni, vincendo il 1° premio con Menzione Speciale di Merito alla Rassegna di Vittorio Veneto.

A undici anni ha debuttato come solista con l’orchestra National des Pays de la Loire. A dodici anni debutta alla Scala di Milano con il Concerto n. 1 di MaxBruch.

All’età di quattordici anni vince il 1° premio al Concorso Internazionale Viotti Valsesia e nello stesso anno vince il 1° premio al Concorso Internazionale M. Abbado di Stresa.

Si diploma appena quindicenne al Conservatorio di Cagliari con il massimo dei voti e la Menzione d’Onore.

Ha studiato dall’età di otto anni per dieci anni con Salvatore Accardo all’accademia Walter Stauffer di Cremona e successivamente all’Accademia Chigiana di Siena dove nel 2004 ottiene il Diploma d’Onore.

Dal 2005 al 2008 studia al Curtis Institute di Philadelphia con Aaron Rosand, Shmuel Ashkenazy e Pamela Frank e a Parigi dove ha ottenuto il diploma superiore di Concertista.

Si è esibita come solista con l’Orchestra della RAI di Torino, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, l’Orchestra del Teatro Lirico di Cagliari, l’Orchestra dell’Arena di Verona, l’Orchestra del Teatro Massimo di Palermo, l’Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza, l’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, l’Orchestra Verdi di Trieste, l’Orchestra Simòn Bòlivar del Venezuela, la Filarmonica George Enescu e l’Orchestra Radio di Bucharest, l’Orchestra da Camera della Lituania, Orchestra da Camera di Monaco, KZN Filarmonica di Durban, l’Orchestra Filarmonica del Qatar, LSO di Maastricht, l’Orchestra da Camera della Israel Philarmonic Orchestra, Orchestra da Camera di Praga e tante altre e al fianco di importanti direttori tra i quali Yuri Temirkanov, Gustavo Dudamel, Diego Matheuz, Juraj Valcuha, Julian Kovatchev, Sergiu Commissiona, Cristoph Poppen, Hubert Soudant, Giampaolo Bisanti, Gèrard Korsten, Cristian Mandeal, Aldo Ceccato, Gabor Ötvös, Justus Frantz, LüJia, Ronald Zollman, David Afkham, Roberto Benzi.

Gli impegni più prestigiosi degli scorsi anni includono la partecipazione con l’Orchestra della Rai di Torino e Juraj Valcuha al Festival George Enescu di Bucharest, la Tournée, sempre con l’Orchestra Rai in Russia, concerti al Teatro Filarmonico di Verona, al Khachaturian Festival di Yerevan, il debutto con Gustavo Dudamel e la Simòn Bòlivar Orchestra del Venezuela, l’apertura della Stagione Sinfonica al Teatro “La Fenice” di Venezia con Diego Matheuz, e il debutto con l’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia diretta da Yuri Temirkanov.

Ha collaborato con musicisti come Maxim Vengerov, Alexander Romanovsky, Boris Andrianov, Giuseppe Andaloro, Gloria Campaner, Pekka Kuusisto, l’attore statunitense John Malkovich e Andrea Bocelli, il quale nel 2011 ha invitato Anna come solista ospite in occasione di numerosi concerti in Italia e all’Estero.

Ha tenuto concerti a rinomati festival come il Tuscan Sun Festival, Menton festival, Ravello festival, Al Bustan di Beirut e il George Enescufestival dove è regolarmente invitata, oltre che presso celebri sale da concerto come la Scala di Milano, Auditorium Parco della Musica di Roma, Teatro Massimo e Politeama di Palermo, Palazzo del Qurinale di Roma, Auditorium della Rai di Torino, Teatro Arcimboldi di Milano, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Tel Aviv museum of Art, Konzerthaus di Dortmund, Konzerthaus di Berlino, Salle Cortot di Parigi, Fazioli Concert Hall, Centro Rudolphinum Dvorak Hall di Praga, Ateneo e sala Palatului di Bucharest, Auditorium Simòn Bòlivar di Caracas, Madison Square Garden di New York, Staples Center di Los Angeles, Teatro Filarmonico di Verona, Teatro Olimpico di Vicenza.

Anna Tifu è stata testimonial della campagna pubblicitaria 2011 di Alitalia, assieme a Riccardo Muti, Gabriele Tornatore e Eleonora Abbagnato.

Suona il violino Antonio Stradivari “Marèchal Berthier” 1716 ex Napoleone della Fondazione Canale di Milano.

 

Giuseppe Andaloro

Dotato di raro talento musicale, inizia sin da bambino con la Maestra Adriana Mirisola lo studio della musica e del pianoforte. A 10 anni studia già col compositore Giovanni d’Aquila e con la pianista Costance Channon Douglass, inoltre segue le masterclasses come allievo effettivo di Bruno Canino, Ennio Pastorino e An Li Pang. Dai 14 ai 16 anni si perfeziona con il compianto pianista partenopeo Sergio Fiorentino e a 18 anni si diploma con lode e menzione speciale al Conservatorio Verdi di Milano sotto la guida del Maestro Vincenzo Balzani.

Vincitore di numerosi primi premi nazionali pianistici e a 14 anni del 1° premio ai concorsi internazionali “Città di Stresa” e “PausilyponDenza” di Napoli, nel 1998 debutta con l’orchestra prima nella Sala Scarlatti del Conservatorio di Napoli e poi nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano, e in quello stesso periodo vince il 1° premio al Concorso Pianistico Internazionale “Francesco Durante” e significativi riconoscimenti ai concorsi internazionali Unisa di Pretoria e Rubinstein di Tel Aviv, oltre al 2° premio (1° premio non assegnato) al prestigioso Concorso Pianistico Internazionale “Alessandro Casagrande” di Terni, nel 2000 il 1° premio e tutti i premi speciali al Concorso Internazionale “Cidade do Porto”, poi il 1° premio al Concorso Pianistico Nazionale “Premio Venezia”, assieme al “Premio Speciale Casella”, il 1° premio al Concorso Pianistico Internazionale “Alfredo Casella” di Napoli; quindi, a 19 anni, il 1° premio al Sendai International Music Competition – che segna l’inizio di una fortunata carriera musicale in Giappone, dove dal 2001 al 2013 compie più di venti tournée. A 20 anni è il primo pianista italiano – rimasto l’unico a tutt’oggi, ad aggiudicarsi il 1° premio al prestigioso World Piano Competition London, nel 2003 vince il “GrandPrix de Piano” di Rabat (presieduto da Andrzej Jasinski), nel 2005 trionfa – con il 1° premio e tutti i premi speciali – al Concorso Pianistico Internazionale “Ferruccio Busoni” di Bolzano – che lo consacra. E, a conclusione di una fulminate carriera giovanile, nel 2011 ottiene la medaglia d’oro al Hong Kong International Piano Competition con giuria presieduta dal leggendario pianista e direttore d’orchestra Vladimir Ashkenazy.

Si esibisce ai festival mondiali di musica più noti, come il Ruhr Klavier, FestSpiele di Salisburgo, Due Mondi di Spoleto, Enescu di Bucarest, Michelangeli di Brescia e Bergamo, e nelle sale da concerto più prestigiose, dal Teatro alla Scala di Milano alla Royal Festival Hall di Londra, Parigi Salle Gaveau e Salle Cortot, Parco della Musica di Roma, Auditorium Esplanade di Singapore, Anfiteatro Simon Bolivar di Città del Messico, Tokyo SumidaTriphony e Pablo Casals Hall, in collaborazione ad orchestre e gruppi da camera internazionali, tra cui la London Philharmonic, la NHK Symphony Orchestra di Tokyo, la Philharmonische Camerata Berlin, l’Orchestra Sinfonica dell’Accademia di Santa Cecilia, l’Orchestra Giuseppe Verdi di Milano, la London Mozart Players, l’Ochestra Sinfonica del Teatro Massimo di Palermo, l’Orchestra del Teatro San Carlo di Napoli, la London Chamber Orchestra, l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova. Ha suonato con noti direttori d’orchestra, da Vladimir Ashkenazy a Gianandrea Noseda, Andrew Parrott, Julian Kovatchev, Peter Altrichter, Michael Guttler, Alan Buribayev, Andrew Parrott, Tomasz Bugaj, Giuseppe Lanzetta, Donato Renzetti, Pier Carlo Orizio, Umeda Toshiaki, Ola Rudner, Arturo Molina, Johannes Wildner, Alexander Sladkovsky; e in duo con prestigiosi solisti, da Sarah Chang a Giovanni Sollima e Sergej Krylov, e anche con il noto attore statunitense John Malkovich partecipando a un suo speciale progetto musicale.

È stato ospite di varie trasmissioni radiofoniche e televisive in Italia e all’estero, della Radio Vaticana, della BBC Radio 3 di Londra, di Rai Radio 3 e di numerose altre emittenti specializzate in programmi dedicati alla musica classica. Ha inoltre inciso numerosi CD con le maggiori case discografiche internazionali.

La sua intensa attività è stata riconosciuta con il Premio per Meriti Artistici assegnatogli nel 2005 dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Premio “Elio Vittorini” per la Musica nel 2009 e il Premio “Nino Carloni” per Giovane Esecutore nel 2012.

Giuseppe Andaloro è stato docente di pianoforte principale presso il Conservatorio “Giacomo Puccini” di La Spezia e “Giuseppe Nicolini” di Piacenza. Tiene masterclass presso istituzioni e conservatori in Italia, Giappone, Indonesia, Thailandia e Stati Uniti.

Solista – tra le sale da concerto: Salisburgo Grobes Saal, Londra Royal Festival Hall e Queen Elisabeth Hall, Berlino Konzerthaus, Parigi Salle Gaveau, Palais des Arts e Salle Cortot, Tokyo Sumida Triphony Hall, Pablo Casals Hall e Metropolitan Art Museum, Bucarest George Enescu Auditorium, Singapore Esplanade Auditorium, Roma Auditorium Parco della Musica, IUC, Conservatorio Santa Cecilia e Palazzo del Quirinale, Milano Sala Verdi, Genova Carlo Felice, Spoleto Teatro Caio Merlisso, Cagliari Teatro Lirico, Napoli Teatro San Carlo e Sala Scarlatti, Palermo Teatro Massimo e Politeama Garibaldi, Catania Teatro Massimo Bellini di Catania, Sacile Fazioli Concert Hall, Buenos Aires Fernández BlancoMuseum, New York Klavierhaus, Città del Messico Anfiteatro Simón Bolívar, Monaco di Baviera Gasteig, Elmau Schloss, Atene Bizantyne Museum, Toronto Walter Hall, Hong Kong City Concert Hall, Pechino Bravoce Classic, Montevideo Auditorio Sodre, Dortmund Harenberg City-Center, Praga Rudolphinum Dvorák Hall, Sapporo Kjtara CocertHall, Osaka Phoenix Hall, Porto Auditorio do Rivoli, Berna Zentrum Paul Klee, Belgrado Kolarac Hall, Cracovia Philharmonic Hall, Sendai Grand Hall, Fort Worth Bass Performance Hall, Tel Aviv Recanati Auditorium, Novi Sad Sinagoga, Pretoria Old Mutual Hall, Santiago del Cile Oriente Theatre, Rabat Mohamed Théâtre,Tucumán Teatro San Martín, Oxford SheldonianTheatre, Cainta City Auditorium, Mumbai Experimental Theatre, Beirut Emile Bustani Auditorium.

Con i direttori di orchestra: Vladimir Ashkenazy, Gianandrea Noseda, Andrew Parrott, Julian Kovatchev, Tomasz Bugaj, Michael Güttler, Donato Renzetti, Alan Buribayev, Pier Carlo Orizio, Giuseppe Lanzetta, Umeda Toshiaki, Ola Rudner, Alexander Shelley, Daniele Moles, Peter Altrichter, Gyorgy G. Ráth, Günter Neuhold, Arturo Molina, Daniele Giorgi, Ovidiu Balan, Lu Jia, Gustavo Guersman, Maffeo Scarpis, Lothar Koenigs, Johannes Wildner, Michele Mariotti, Alberto Martini, Shigeo Genda.

In duo, tra i solisti: Sarah Chang, Giovanni Sollima, Sergej Krylov, Anna Tifu, Tatsuo Nishie (con il quale ha inciso diversi CD per l’etichetta giapponese Fontec) e con l’attore statunitense John Malkovich.

Docente di pianoforte principale presso il Conservatorio Puccini di La Spezia.

PROGRAMMA

 

L. van BeethovenSonata No. 5 in fa magg.op. 24 “ La Primavera”

S. ProkofievSonata No. 2, op. 94 bis

 

 C. FranckSonata in A major

M. RavelTzigane